Djokovic: “ho già avuto il Covid” ma spuntano sue foto in pubblico

I legali del tennista hanno chiesto di consentirgli di allenarsi e di revocare l’arresto. Lunedì il Tribunale deciderà in base alla documentazione presentata sul contagio dello sportivo, registrato lo scorso dicembre

Prosegue la querelle fra Djokovic e il Governo australiano sulla partecipazione del tennista agli Atp. Il giocatore serbo si trova ancora agli arresti nel Park Hotel di Melbourne e ha chiesto al Tribunale di potersi allenare per partecipare alla competizione. Secondo i suoi legali il tennista avrebbe diritto all’esenzione dal vaccino poiché avrebbe già contratto il virus, con data di registrazione del primo test positivo al “16 dicembre 2021“. Tuttavia, sono già spuntate delle foto che sembrano mettono in discussione questa tesi.

Le immagini che fanno dubitare di questa positività si trovano sul profilo Instagram dello stesso tennista che, il 17 dicembre, ha postato una foto in cui riceve una targa con un suo personale francobollo, ringraziando “il mio generoso Paese“.

È poi spuntata un’altra foto, anch’essa postata il 17 dicembre, anche se non è nota la data dello scatto. Qui il tennista è ritratto sorridente in una cerimonia di premiazione accanto a giovani tennisti, tutti senza mascherina.

La presenza della star all’Australian Open sarà decretata lunedì prossimo, quando il Tribunale stabilirà la revoca o meno del fermo in base alla documentazione presentata dai legali.

Djokovic non si starebbe giocando solo la partecipazione al torneo; come ha specificato l’Australian Border Forceuna persona il cui visto è stato cancellato può essere soggetta a un periodo di esclusione di tre anni che impedisce la concessione di un ulteriore visto temporaneo”.

di: Marianna MANCINI

FOTO: EPA/JUANJO MARTIN

Rispondi