Cliente non paga il conto: ristoratore a processo per sequestro

È accaduto in provincia di Varese, dove l’uomo, insieme a tre familiari, ha costretto un cliente a salire sulla loro auto

Accusato di sequestro di persona e di rapina: un ristoratore è a processo insieme a tre membri della famiglia quattro anni dopo aver costretto un cliente, che era andato via senza pagare, a salire sulla loro auto per andare a un bancomat.

I fatti risalgono al 2017. Un24enne avrebbe cenato con alcuni amici in un ristorante di Cuveglio, in provincia di Varese. Al momento del conto avrebbe tentato di pagare con il bancomat, che, però, non avrebbe funzionato. Il gruppo di amici se ne sarebbe andato dal locale. Dopo alcuni giorni, uno dei figli del ristoratore individuò l’auto del cliente nel parcheggio di un centro commerciale, chiamò gli altri familiari e bloccarono il mezzo del 24enne. Quando quest’ultimo uscì dal negozio, lo fecero salire sulla loro auto e lo portarono a un bancomat per prelevare la somma dovuta. Anche questa volta non funzionò, così lo portarono al ristorante.

Nel frattempo, il padre del cliente aveva già allertato i Carabinieri. Oggi i quattro – il proprietario, di 73 anni, due figli di 39 e 43 anni e il nipote di 30 anni – sono a processo con le accuse di sequestro di persona e di rapina.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/MATTEO BAZZI

Rispondi