Assalto Cgil, il processo sarà a porte aperte

Il Tribunale di Roma ha respinto la richiesta della difesa. La prossima udienza è fissata all’8 aprile

Il Tribunale di Roma ha respinto la richiesta delle difese di svolgere il processo per l’assalto alla sede romana della Cgil lo scorso ottobre a porte chiuse.

Oggi si sarebbe dovuta tenere un’udienza del processo con rito ordinario, rimandata al prossimo 8 aprile per il legittimo impedimento di uno degli imputati.

I giudici hanno spiegato che l’oggetto del procedimento non rientra nella casistica in cui è previsto un processo senza la presenza del pubblico.

Al banco degli imputati siedono anche i leader di Fn, Giuliano Castellino e Roberto Fiore. Fra i reati contestati dalla Procura, che ha chiesto dagli 8 ai 6 anni (qui), ci sono istigazione a delinquere, devastazione e saccheggio e resistenza aggravata.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA/ANGELO CARCONI

Rispondi