Vola in Africa per incontrare una donna ma viene sequestrato

È accaduto a un imprenditore italiano, recatosi in Costa d’Avorio per incontrare una ragazza conosciuta sul web. Gli inquirenti dubitano che la donna esista e sospettano che nella trappola siano caduti altri uomini

Conosce una ragazza sui social, si innamora e vola fino in Africa per incontrarla. Ma, appena arrivato all’aeroporto di Abidjan, in Costa d’Avorio, è stato sequestrato. Protagonista della vicenda – ricostruita dal Corriere del Veneto – l’imprenditore veneto Claudio Formenton.

L’uomo è partito il 27 novembre dicendo ai familiari che andava in Africa per aiutare dei missionari. Stando alla ricostruzione del quotidiano veneto, appena atterrato, ad aspettarlo c’era un tassista con in mano un cartello con su scritto il suo cognome. È salito in auto e da quel momento è iniziato il suo sequestro. Per tre giorni è stato con i rapitori, che l’hanno portato da un covo all’altro. Poi, il blitz delle forze dell’ordine locali, che lo hanno trovato e liberato in un albergo a Bonoua.

La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta. Dalla testimonianza dell’imprenditore, che nel frattempo è tornato in Italia, e dal lavoro investigativo del Ros, è emerso che l’uomo non sarebbe andato in viaggio solo per fini umanitari, come si pensava inizialmente, ma anche per incontrare una giovane ivoriana conosciuta online come Olivia Martens. 

Era stata la ragazza a contattare l’uomo via social e a raccontargli delle difficoltà nel pagare gli avvocati per risolvere dei problemi giudiziari. Formenton non avrebbe mai inviato denaro alla donna, però avrebbe accettato di raggiungerla in Africa. Il rapimento sembrerebbe, quindi, una trappola. Gli inquirenti dubitano che Mertens esista e sospettano che siano stati adescati anche altri imprenditori italiani.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA

Rispondi