Tonga, atterrati i primi aerei con aiuti umanitari

I velivoli militari neozelandesi sono arrivati nell’arcipelago. Anche il Giappone si dice pronto a inviare attrezzature per la pulizia della cenere vulcanica

Dopo cinque giorni di isolamento a seguito dell’eruzione del vulcano Hunga Tonga-Hunga Ha’apai e del successivo tsunami nel Pacifico meridionale, i primi aerei militari australiani e neozelandesi sono atterrati all’aeroporto dell’arcipelago di Tonga (leggi qui). Gli aerei hanno trasportato aiuti per fronteggiare l’emergenza umanitaria, insieme ad apparecchi di comunicazione al posto di quelli danneggiati.

«Questa assistenza aiuterà i nostri partner, il governo tongano, a soddisfare i bisogni della comunita’ tongana e a sostenere gli sforzi immediati di pulizia – ha detto la Ministra degli Esteri australiana Marise Payne in un comunicato – molte case sono state distrutte e molte persone sfollate dallo tsunami».

Anche il Giappone ha fatto sapere che invierà aiuti di emergenza, tra cui acqua potabile e attrezzature per la pulizia della cenere vulcanica. Stando a quanto riferito dal Ministro della Difesa giapponese Nobuo Kishi due aerei Hercules e una nave da trasporto con due elicotteri CH-47 Chinook dovrebbero partire in giornata. Kishi ha poi affermato che “farà tutto il possibile per il popolo di Tonga colpito dal disastro”.

di: Francesca LASI

FOTO: PIXABAY

Rispondi