Caso Cucchi, il generale Nistri: Arma parte civile contro i carabinieri coinvolti

In una lettera alla famiglia di Stefano e alla sorella Ilaria lʼimpegno a definire con certezza le responsabilità dei militari accusati della morte del giovane e di depistaggio

Nuovo colpo di scena nel caso Cucchi. Il generale dei carabinieri Giovanni Nistri ha deciso che l’Arma si costituirà parte civile contro i militari coinvolti nell’uccisione di Stefano Cucchi. Nistri si è impegnato con la sorella del giovane, Ilaria, e la famiglia non solo a procedere disciplinarmente nei confronti dei responsabili del pestaggio e delle calunnie, ma anche a costituire l’Arma come parte lesa nel processo.

Approfondisci: Tgcom24

Rispondi