La Corea del Nord lancia due missili balistici

Il premier giapponese Suga: “una minaccia per la sicurezza della regione”

Due missili balistici sarebbero stati lanciati dalle zone interne della parte settentrionale della Corea del Nord, dalla costa orientale nel mar del Giappone. A comunicarlo è una nota del comando di Stato maggiore congiunto sudcoreano, riportata dall’agenzia Yonhap. La nota precisa che “le valutazioni sull’accaduto sono ancora in corso“.

Le intelligence americana e sudcoreana sono al lavoro per raccogliere più informazioni, a partire dal modello dei missili, non ancora identificato.

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga ha definito il lancio un gesto “oltraggioso“. Per il premier si tratta di “una violazione delle risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite” e “rappresenta una minaccia per la pace e la sicurezza del Paese e della regione“. Suga ha, inoltre, annunciato che il Giappone lavorerà “a stretto contatto con Stati Uniti, Corea del Sud e altri Paesi” sulla questione nord-coreana,

Pochi giorni fa la Corea del Nord di Pyongyang aveva testato con successo un nuovo missile da crociera a lungo raggio. Il missile è stato in grado di raggiungere una distanza di 1.500 chilometri, come spiegato dall’agenzia statale Kcna. Il test era avvenuto mentre il ministro degli esteri cinese, Wang Yi, era in visita a Seul per colloqui con la sua controparte sudcoreana. Pechino, ricordiamo, è il principale alleato diplomatico del Nord oltre che principale partner per il commercio e gli aiuti.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi