Birmania, Aung San Suu Kyi condannata a quattro anni

È stata dichiarata colpevole per aver importato illegalmente walkie-talkie

Nuova condanna per l’ex leader civile della Birmania Aung San Suu Kyi, che è stata ritenuta colpevole di importazione illegale di walkie-talkie e pertanto condannata a quattro anni.

Non è la prima condanna che Suu Kyi riceve, come abbiamo visto qui: al termine del processo a suo carico, rischia decenni di detenzione.

L’ex leader è agli arresti domiciliari dopo il presunto colpo di Stato del 1 febbraio 2021 (ne abbiamo parlato qui).

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA/MARTIN DIVISEK

Rispondi