Nevica su Sicilia e Appennini. Disagi per le scuole

La Protezione civile sta valutando se diramare un’allerta gialla

Le previsioni sembrano essersi avverate (leggi qui): da questo pomeriggio, infatti, le aree centro-settentrionali al di sopra dei 600-800 metri di Calabria e Sicilia sono state interessate da nevicate moderate. Più intense, invece, sopra i 1.000 metri. Tra le aree più colpite ci sono anche Campania, Puglia, Abruzzo e le zone interne del Lazio, ma anche in Toscana.

In alcuni Comuni, tra cui quelli del viterbese, in Irpinia, a L’Aquila e in provincia, i sindaci hanno deciso di chiudere le scuole e rinviare così il ritorno sui banchi.

Secondo l’allerta meteo della Protezione civile, da domani la quota neve dovrebbe alzarsi sopra i 1.100-1.300 metri. É attualmente in valutazione la diramazione di un’allerta gialla su Abruzzo e alcuni settori di Calabria e Sicilia.

Sempre domani, su Emilia-Romagna, Marche, Toscana, Umbria, Abruzzo, Lazio, Molise, Puglia, Campania e Basilicata, sono previsti forti venti di burrasca, soprattutto sul fronte costiere e appenninico, e forti mareggiate.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi