Liberata l’impiegata del British Council accusata in Iran di spionaggio

La donna, Aras Amiri, ha fatto ritorno nel Regno Unito dopo l’arresto a Teheran nel 2018

L’impiegata del British Council di Londra, Aras Amiri, condannata a scontare 10 anni di carcere nel 2019 dopo essere stata arrestata a Teheran, è di nuovo libera dopo essere stata assolta.

Lo rende noto lo stesso British Council che fa sapere che la donna si trova ora nel Regno Unito.

Amiri era stata arrestata e condannata con l’accusa di spionaggio e “infiltrazione culturale”, accuse contro cui i suoi avvocati avevano presentato ricorso presso la Corte suprema iraniana.

«Abbiamo sempre rifiutato le accuse originali fatte contro Aras. Siamo molto orgogliosi del suo lavoro nel nostro ufficio di Londra per programmi artistici che sostengono maggiori comprensione e gradimento della cultura iraniana nel Regno Unito» – si legge nella nota dell’organizzazione.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: SHUTTERSTOCK

Rispondi