Inchiesta Losito, il Riesame di Roma annulla il sequestro ai danni di Tarallo

Erano stati i difensori di Tarallo a richiedere l’annullamento del sequestro da cinque milioni eseguito a gennaio dalle Fiamme Gialle

Il provvedimento di sequestro da cinque milioni di euro disposto dalla Procura di Roma ai danni di Alberto Tarallo, produttore televisivo e fondatore della società Ares, è stato annullato.

A deciderlo è il tribunale del Riesame di Roma che accoglie la richiesta degli avvocati difensori Franco Coppi e Daria Pesce. Nelle prossime settimane verranno depositate le motivazioni.

Tarallo è indagato per falsità in testamento olografo e falsità in scrittura privata nell’ambito dell’inchiesta in merito alla morte dello sceneggiatore di Teodosio Losito, avvenuta nel gennaio del 2019. Secondo le indagini, Losito avrebbe scritto un falso testamento scritto da Losito ai danni degli eredi legittimi che avrebbe recato, invece, a Tarallo, allora suo compagno, un ingiusto profitto patrimoniale.

Il sequestro di beni, tra cui auto, immobili e terreni, era stato eseguito dalla Guardia di Finanza lo scorso gennaio.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/FABIO FRUSTACI

Rispondi