Abitanti di Kherson: “siamo ancora sotto controllo russo”

La contraerea ucraina ha abbattuto tre missili cruise lanciati dalle navi russe. Russia: “l’obiettivo principale è la liberazione del Donbass”. Secondo l’Unicef, più della metà dei bambini ucraini sono sfollati

È il trentesimo giorno di guerra in Ucraina. 7.331 persone sono state evacuate oggi dalle città ucraine attraverso i corridoi umanitari, più del doppio delle 3.343 che erano riuscite a fuggire ieri. A renderlo noto è stata la vicepremier Iryna Vereshchuk che in un post ha precisato che 2800 persone hanno lasciato Mariupol a bordo di mezzi di trasporto privati.

La città di Kherson è ancora sotto il pieno controllo russo: lo hanno detto alla CNN alcuni abitanti, dopo che un alto funzionario del Pentagono aveva annunciato un contrattacco delle forze ucraine. Il canale all news Usa aggiunge che, secondo i suoi inviati, c’è stato effettivamente un contrattacco, ma non ha raggiunto la città, restando nei villaggi a nord di Kherson.

Il comandante russo Yuri Medvedev è stato investito da uno dei suoi soldati con un carro armato, in un gesto d’ira per l’alto numero di perdite della sua unità nel conflitto in Ucraina. L’alto ufficiale sarebbe poi deceduto.

Stando a quanto riferito dalle forze armate di Kiev citate da Ukrinform, le forze russe hanno lanciato un attacco missilistico contro il centro di comando dell’aeronautica militare di Kiev a Vinnytsia, nell’Ucraina centro-occidentale. Sono stati sparati sei missili da crociera, alcuni dei quali abbattuti dalla contraerea, mentre gli altri hanno colpito diversi edifici, provocando danni alle infrastrutture, attualmente in corso di valutazione.

La contraerea ucraina ha abbattuto tre missili cruise lanciati dalle navi russe nel Mar Nero e diretti nell’aerea di Odessa. Lo riferisce il Comando operativo dell’esercito a Odessa spiegando che la situazione, nella zona, “è sotto controllo”.

«Il nemico – affermano i militari – continua ad esercitare pressione sulla popolazione civile di Odessa attaccando la fascia costiera».

L’esercito ucraino non spiega quando sia avvenuto l’abbattimento dei tre missili. Poco dopo pranzo, tuttavia, l’azione della contraerea ucraina sarebbe stata sentita nei quartieri cittadini più vicini al mare. 

Il comandante del direttorato per le operazioni dello Stato maggiore russo, il generale Sergei Rudskoy, ha affermato che gli “obiettivi” principali della prima fase “dell’operazione” sono “stati raggiunti”. «Il potenziale di combattimento delle forze armate ucraine è stato considerevolmente ridotto. Questo rende possibile concentrarsi sugli sforzi cruciali per raggiungere l’obiettivo principale, vale a dire la liberazione del Donbass» ha aggiunto Rudskoy.

Mosca sta cercando di portare rinforzi in Ucraina attingendo alle sue truppe in Georgia: lo ha riferito un alto ufficiale del Pentagono durante un briefing, precisando però di non essere in grado di quantificare i movimenti.

Stando a quanto riferito dall‘Unicef, più della metà dei bambini ucraini sono sfollati. Il portavoce James Elder alla CNN ha raccontato: «circa 1,4 milioni di persone non hanno accesso ad acqua pulita, mentre 4,6 milioni di persone hanno solo un accesso limitato o stanno per perderlo. Più di 450mila bambini dai 6 ai 23 mesi hanno bisogno di assistenza alimentare7.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/UKRINFORM

Rispondi