Yemen, Riyadh risponde agli attacchi dei ribelli in Arabia Saudita

Per la missione araba all’Onu, i ribelli yemeniti sarebbero sostenuti dall’Iran. Richiesta riunione del Consiglio di sicurezza

Nuovi attacchi aerei in Yemen: la coalizione guidata da Riyadh ha risposto agli attacchi missilistici dei ribelli Houthi yemeniti in Arabia Saudita, tra cui quello che ha causato un incendio in un sito petrolifero a Gedda, nei pressi del circuito di Formula 1.

A renderlo noto su su Twitter è l’agenzia di stampa ufficiale Spa: «l’operazione militare – si legge – proseguirà fino al raggiungimento dei suoi obiettivi».

«Nel suo messaggio al Consiglio di sicurezza, la missione dell’Arabia Saudita all’Onu sottolinea il fatto che gli attacchi al Regno sono effettuati da Houthi con il sostegno dell’Iran – riporta la rete Al Arabiya, annunciando che l’Arabia Saudita ha richiesto una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per condannare gli attacchi del movimento armato yemenita degli Houthi. – Ci riserviamo il diritto di prendere tutte le misure per difendere il nostro territorio e invitiamo il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a convocare una riunione per condannare gli attacchi».

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/EPA/YAHYA ARHAB

Rispondi