Israele costruirà 3.500 case a Gerusalemme Est

Il piano edilizio riguarda una zona sensibile attualmente popolata prevalentemente da palestinesi

A Gerusalemme Est saranno costruiti 3.500 nuovi alloggi. Lo ha annunciato il comitato per l’edilizia del municipio della città. Le costruzioni riguardano quasi la metà delle zone “sensibili”. Il piano edilizio sarà ora preso in esame dagli organismi regionali.

Si tratta in particolare della collina Monte Scopus e dei settori di Givat Hamatos e Har Homa, tutti situati lungo il confine che separa Gerusalemme Est e le aree palestinesi di Betlemme e della Cisgiordania meridionale. Lo riporta l’ong Peace Now.

La colonizzazione di Israele nell’area andrebbe quindi a minare, secondo l’organizzazione, la continuità territoriale di un futuro Stato palestinese. Nella zona di Gerusalemme Est attualmente convivono 300mila palestinesi e 200 israeliani.

La notizia arriva nello stesso giorno in cui l’esercito israeliano ha ucciso un giovane palestinese mentre entrava in un campo profughi per fare degli arresti (lo abbiamo visto qui). L’omicidio ha fatto esplodere alcune proteste, connesse anche all’investimento di un palestinese di 25 anni che si stava recando a lavoro, travolto da un’auto israeliana.

di: Marianna MANCINI

FOTO: EPA/ATEF SAFADI

Rispondi