Rogo a Philadelphia, a causarlo forse un bimbo che giocava con un accendino

Le fiamme avrebbero avuto origine da un albero di Natale accanto al quale si trovava il piccolo in quel momento. Solo un allarme antincendio su 7 ha suonato. 13 le vittime

Un bambino di cinque anni che gioca con un accendino vicino ad un albero di Natale. Sarebbe stata questa la causa dell’incendio che mercoledì scorso ha ucciso 13 persone a Philadelphia (leggi qui).

«Riteniamo con una certezza tra il 99 e il 100% che il primo oggetto della fiammata sia stato un albero di Natale – ha spiegato il commissario per i vigili del fuoco, Adam Thiel. – Ci sono le parole di quel bambino di cinque anni, un bambino traumatizzato, per aiutarci a capire come l’accendino e l’albero si siano abbinati con quelle tragiche conseguenze».

Lo stesso bambino, infatti, avrebbe raccontato quanto accaduto. Insieme a lui è sopravvissuto anche un uomo che si è arrampicato da una finestra del terzo piano, riuscendo a mettersi in salvo.

Resta, invece, ancora un mistero in quali condizioni si trovassero i sistemi di sicurezza delle abitazioni: dei 7 allarmi antifumo, infatti, solo uno avrebbe suonato, quello nel seminterrato, mentre quattro erano nei cassetti e due senza batteria, uno sul pavimento e un altro era fissato al soffitto.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi