Attanasio, due arresti: il Congo conferma

Sarebbero due gli uomini in manette per la morte del diplomatico, insieme ad altri quattro accusati di aver attaccato altri operatori

È ufficiale: le autorità del Nord Kivu, in Congo, hanno arrestato due uomini ritenuti responsabili della morte dell’ambasciatore italiano Luca Attanasio, che è stato ucciso in un’imboscata il 22 febbraio 2021 insieme al carabiniere Vittorio Iacovacci e all’autista Mustapha Milambo (ne avevamo parlato qui).

Ieri era stata diffusa l’immagine di 6 uomini seduti a terra e in manette circondati da agenti locali armati. Si sarebbe trattato di membri di “tre gruppi di criminali che hanno insanguinato Goma“, come spiegato dal comandante della polizia della provincia del Nord Kivu, Aba Van Ang. Quattro di loro sono accusati di aver aggredito altri operatori umanitari.

Secondo Aba Van Ang ad aver architettato e concretizzato la morte di Attanasio sarebbe un uomo noto come “Aspirant”, che in realtà progettava un rapimento per la richiesta di un milione di dollari di riscatto.

Intanto, secondo diverse fonti i pm di Roma hanno chiesto alle autorità locali, che hanno dato l’annuncio durante una conferenza stampa, i fascicoli dei presunti killer.

di: Micaela FERRARO

FOTO: PIXABAY

Rispondi