Iran, condanna per spionaggio al francese Brière

Venne arrestato nel maggio 2020 per aver fotografato aree vietate in Medio Oriente

Un tribunale iraniano ha condannato il cittadino francese Benjamin Brière a 8 anni di carcere per l’accusa di spionaggio.

Si è trattato, secondo il suo legale Philippe Valent, di un processo “farsa”.

Brière è detenuto dal 26 maggio 2020 nel carcere di Vakilabad, a Mashhad, nel nord-est dell’Iran. Il suo arresto risale al 2018 quando il francese, viaggiando in camper in Europa e Medio Oriente, fotografò aree vietate e pubblicò sui social post critici contro l’obbligo del velo islamico.

Lo scorso dicembre aveva annunciato uno sciopero della fame mentre la famiglia chiedeva allo Stato francese di intensificare gli sforzi per liberarlo.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: PIXABAY

Rispondi