Ucraina, 6-7 milioni di sfollati interni

Secondo alcune fonti citate dal Wall Street Journal, l’oligarca e alcuni membri della delegazione ucraina avrebbero accusato i sintomi dopo un incontro avvenuto nelle Capitale ucraina all’inizio del mese. La notizia è stata confermata dal portavoce dell’imprenditore russo, ma Kiev smentisce

La guerra in Ucraina arriva arriva al 33esimo giorno (leggi qui). A causa degli attacchi delle truppe russe a Mykolaiv, 300 edifici sono stati danneggiati: sono 30 quelli completamente distrutti. Ad affermarlo, secondo quanto riferisce Nikvesti, è il sindaco della città Oleksandr Senkevich.

«È molto difficile anticipare le prossime mosse di Putin. Al momento 6-7 milioni di ucraini sono sfollati all’interno del Paese. Se poi queste persone decideranno di partire alla volta dell’Ue dipenderà anche dal sostegno e dai soccorsi che riceveranno in Ucraina». Lo ha dichiarato la commissaria europea agli Affari Interni, Ylva Johansson, in conferenza stampa, rispondendo a una domanda sulla previsione dei flussi migratori in Europa provenienti dall’Ucraina. La commissaria ha inoltre, sottolineato l’attività di coordinamento con le autorità ucraine per “fornire aiuti agli sfollati ed evitare così che siano obbligati a partire alla volta dell’Unione”.

Secondo la Gran Bretagna, 1000 mercenari del Gruppo Wagner sarebbero schierati nell’est dell’Ucraina. «La compagnia militare privata russa, il gruppo Wagner, si è già schierata nell’Ucraina orientale. Ci aspettiamo che dispieghino più di mille mercenari, inclusi alti dirigenti dell’organizzazione, per intraprendere operazioni di combattimento» ha scritto su Twitter il ministero della Difesa britannico. 

Presunto avvelenamento di Abramovich e dei negoziatori ucraini

Secondo il Wall Street Journal, che cita alcune fonti, l’oligarca russo Roman Abramovich e i negoziatori ucraini avrebbero accusato alcuni sintomi di avvelenamento dopo un incontro a Kiev avvenuto all’inizio del mese.

Stando a quanto dichiarato dalle fonti del quotidiano statunitense, il sospetto attacco potrebbe essere stato commesso da alcuni a Mosca che volevano sabotare le trattative per mettere fine alla guerra. La notizia non è stata confermata.

Un portavoce di Roman Abramovich ha confermato il sospetto avvelenamento dell’oligarca russo. Lo riporta la BBC. Stando a quanto riferito, l’imprenditore ora starebbe bene e continuerà ad adoperarsi per i negoziati.

Stando a quanto riferito dal Financial Times, Abramovich avrebbe perso la vista per alcune ore dopo il sospetto avvelenamento. Secondo le fonti del quotidiano britannico, l’oligarca avrebbe ricevuto le adeguate cure mediche in Turchia e ha recuperato interamente la vista. 

Il consigliere della presidenza e capo negoziatore ucraino Mikhailo Podolyak ha smentito le accuse di avvelenamento dei negoziatori ucraini. Lo riporta il Kyiv Independent. Si tratta di una “speculazione”, ha detto Podolyak, aggiungendo che tutti i negoziatori ucraini “lavorano come al solito”.

di: Francesca LASI

FOTO: ANSA/ANP

Rispondi