Pechino respinge le accuse di spionaggio

L’accusa ironica contro la Gran Bretagna: “hanno visto troppi film di 007”

Non si è fatta attendere l’ironica risposta della Cina alle accuse mosse dal MI5, secondo cui una spia cinese si sarebbe infiltrata nel Parlamento britannico per “interferire” nella politica del Regno Unito (leggi qui): «gli individui potrebbero aver guardato troppi film di 007 – dicono da Pechino – e aver creato troppe associazioni non necessarie».

Il portavoce del ministero degli Esteri ha obiettato che è “irresponsabile” fare osservazioni “false e allarmistiche” e che la Cina spera che i funzionari britannici competenti non facciano osservazioni senza basi fattuali.

di: Micaela FERRARO

Rispondi