Palamara fa ricorso per un equo processo

Secondo la sua difesa all’ex pm, radiato dalla magistratura, non è stato garantito il diritto a un equo processo. L’annuncio arriva dopo la decisione del Consiglio di Stato sui vertici della Cassazione

Luca Palamara ha annunciato che farà ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo per essere stato rimosso da un giudice non “terzo e imparziale“. Così i legali dell’ex presidente dell’Associazione magistrati hanno spiegato la decisione di ricorrere alla Cedu in seguito alla sua rimozione dall’ordine di giudizio senza “diritto a un equo processo, in termini di terzietà ed imparzialità“.

Palamara è stato il primo ex consigliere del Csm a esser rimosso dall’ordine di giudizio. Lo scorso 4 agosto le Sezioni unite della Cassazione avevano confermato la radiazione dalla magistratura dell’ex pm.

Oggetto dell’accusa era stata una riunione all’hotel Champagne di Roma, intercettata con un trojan nel cellulare di Palamara, in seguito imputato per corruzione a Perugia. Durante questo incontro il pm, insieme ad altri cinque consiglieri del Csm e ai politici Luca Lotti e Cosimo Ferri (già magistrato), avrebbero discusso sulle strategie da applicare per gestire le future nomine nelle procure.

Secondo la difesa, invece, il Csm non è stato imparziale innanzitutto perché Davigo ha ricoperto il ruolo di Giudice disciplinare “pur avendo avuto conoscenza dei fatti oggetto di incolpazione al di fuori del procedimento disciplinare“. I legali di Palamara precisano anche che all’ex pm è stato negato il diritto di difesa “negando l’ammissione di prove decisive per dimostrare la sua innocenza“.

Infine, la difesa ha spiegato che rivelerà i dettagli del ricorso “anche alla luce dell’annullamento del Consiglio di Stato della nomina del presidente aggiunto della Cassazione“, la dottoressa Cassano (abbiamo spiegato qui la decisione del Consiglio di Stato), che aveva presieduto il collegio delle Sezioni Unite proprio in occasione della sua radiazione dalla magistratura.

di: Marianna MANCINI

FOTO: PIXABAY

Rispondi