Come potrebbero cambiare i decreti sicurezza

Entra nel vivo l’operazione di modifica dei provvedimenti bandiera di Salvini sull’immigrazione. Ma M5s non vuole che si allarghino troppo le maglie, né Conte intende prestare eccessivamente il fianco

l pacchetto del Viminale è pronto: lunedì a palazzo Chigi parte l’operazione per modificare i decreti di Salvini. Il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese porterà le proposte sul tavolo e saranno le forze di maggioranza nel vertice convocato dal premier Giuseppe Conte a decidere il perimetro e se dare il via libera solo ai cambiamenti legati ai rilievi del Capo dello Stato. Pd (con delle differenze di vedute al proprio interno), Iv e Leu puntano ad andare oltre alle indicazioni arrivate dal presidente della Repubblica nelle due lettere al premier Conte (a ottobre 2018 e agosto 2019), ma il confronto è soprattutto con i Cinque stelle che di Salvini sono stati alleati all’epoca dei provvedimenti e che – questa la linea dell’ala del Movimento che fa riferimento a Di Maio – frenano sulla possibilità di allargare troppo le maglie.

Approfondisci: Agi

Rispondi