Zaky, il tribunale egiziano: altri 45 giorni di carcere

Patrick Zaky, lo studente dell’Università di Bologna detenuto in Egitto con l’accusa di propaganda sovversiva, starà in galera almeno fino alla fine di agosto. Amnesty: «Decisione choc e inumana»

Lo ha deciso il tribunale del Cairo, dopo che ieri c’era stata un’udienza per il rinnovo della custodia cautelare, alla quale, per la prima volta da mesi, era stata ascoltata la difesa. La corte ha deciso di prolungare la misura cautelare per 45 giorni e da Bologna si rinnovano gli inviti al governo a intervenire con meno timidezza sulle autorità egiziane. Zaky, accusato di reati di opinione e attualmente detenuto nel complesso carcerario di Tora al Cairo, è infatti detenuto da febbraio, quando venne arrestato, di ritorno nel suo Paese per un breve periodo.

Approfondisci: Il Messaggero

Rispondi