Le scuole non riapriranno. Nessuno sarà bocciato e la maturità sarà digitale

Gli esperti: “Le classi sono centri di aggregazione troppo pericolosi”. Le industrie ripartiranno facendo test sui dipendenti e riducendo l’attività

Nella lista delle riaperture dopo Pasqua la scuola non c’è. E se, come sembra più probabile, non ci saranno le condizioni per tornare in aule entro il 18 maggio l’esame di maturità si ridurrà solo a una prova orale in “modalità remoto”. Per tutti gli altri il ritorno dietro ai banchi sarà rimandato direttamente al nuovo anno scolastico. L’esame di scuola media non si svolgerà proprio. E chi doveva recuperare i crediti formativi delle medie, così come i rimandati a settembre delle superiori, si risparmieranno gli esami di riparazione frequentando corsi di recupero durante il prossimo anno scolastico. In sostanza non ci saranno bocciati o rimandati.

Approfondisci: La Stampa

Rispondi