Messaggi offensivi a Sassoli, avviate indagini

La Polizia postale sta indagando sull’identità degli autori dei messaggi e delle fake news pubblicati dopo la morte dell’ex giornalista

I carabinieri e gli agenti della Polizia postale di Roma hanno avviato le indagini su presunti messaggi offensivi rivolti al presidente del Parlamento Ue, David Sassoli, dopo la sua morte (leggi qui).

Le autorità sono a lavoro per individuare gli autori di messaggi pubblicati sui social network che farebbero illazioni in merito alle cause della scomparsa di Sassoli, collegandola agli effetti del vaccino anti-Covid.

Nei prossimi giorni la Procura di Roma potrebbe avviare un fascicolo d’indagine sull’accaduto, dopo che ieri i militari hanno depositato una prima informativa all’ufficio primi atti. Si potrebbe, dunque, procedere per i reati di diffamazione o minacce. Non si esclude, inoltre, il possibile coinvolgimento dell’antiterrorismo per reati contro le personalità dello Stato.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: SHUTTERSTOCK

Rispondi