I candidati delle amministrative 2021

I nomi dei candidati a sindaco delle principali città italiane chiamate al voto

Tra i Comuni che domani e lunedì saranno coinvolti nelle elezioni amministrative 2021 (leggi qui) ci sono anche 6 capoluoghi di Regione e 14 capoluoghi di Provincia. Le principali città in cui i cittadini saranno chiamati ad esprimere le proprie preferenze sono: Bologna, Milano, Napoli, Roma, Torino e Trieste.

A Milano sono state depositate 28 liste, mentre i candidati a sindaco sono 13. L’uscente Beppe Sala del centrosinistra viene sfidato: dal pediatra del centrodestra Luca Bernardo; da Layla Pavone, la manager voluta da Giuseppe Conte per il M5S; il medico Teodosio De Bonis, del Movimento 3V; e Gianluigi Paragone, ex M5S sostenuto dalla sua civica Milano Paragone sindaco e Grande Nord. La maggior parte dei sondaggi pubblicati pronostica un testa a testa tra Sala e Bernardo.

A Roma ci sono 21 candidati sindaco, con 38 liste collegate alle candidature. Tra queste, 20 sono a sostegno dei quattro principali contendenti: Virginia Raggi del M5S, Carlo Calenda come civico, Roberto Gualtieri per il centrosinistra, Enrico Michetti per il centrodestra. Anche in questo caso si prevede una corsa a due, in particolare tra Michetti e Gualtieri.

A Napoli i candidati sono 7: Gaetano Manfredi per il Pd, M5S, liste civiche; Catello Maresca per il centrodestra e liste civiche; Alessandra Clemente (area de Magistris, Rifondazione Comunista, Comunisti italiani e Potere al Popolo); Antonio Bassolino (Azione, civiche); Matteo Brambilla (M5S); il biologo Giovanni Moscarella (Movimento 3V, no-vax e no Green pass); Rossella Solombrino (Equità Territoriale). Nel capoluogo partenopeo i sondaggi danno in testa Manfredi seguito da Maresca e Bassolino.

Bologna sono in corsa 19 liste e 8 candidati: Matteo Lepore, sostenuto da Europa Verde, Pd Lepore sindaco, Matteo Lepore Sindaco, Anche tu Conti, M5s 2050, Coalizione civica per Bologna coraggiosa ecologista solidale, Lista Psi-Volt. Per il centrodestra scende in campo Fabio Battistini (Fli, Bologna ci piace, Popolo della famiglia, Lega e FI). Candidati anche Stefano Sermenghi (Bfc-Bologna forum civico e Per Bologna Italexit), Addolorata Palumbo (Sinistra Unita Bologna), Marta Collot (Potere al Popolo), Andrea Tosatto (3V), Federico Bacchiocchi (Pc lavoratori) e Luca Labanti (Lista Movimento 24 agosto). I sondaggi danno Lepore vincitore al primo turno.

Torino vede scendere in campo 13 candidati sindaco e 30 liste. A sfidarsi per il posto della sindaca uscente Chiara Appendino (M5s) ci sono Stefano Lo Russo per il centrosinistra e le civiche, Paolo Damilano per il centrodestra (Fi, Fdi, Lega e civiche). Candidati a primo cittadino anche Valentina Sganga (M5s, Europa Verde) ed Emilio Mazza (Torino Capitale d’Europa Basta Isee). Nel capoluogo piemontese i sondaggi danno come preferito Damilano.

Per Trieste si candidano: il sindaco uscente Roberto Dipiazza, sostenuto dal centrodestra; Francesco Russo che guida una coalizione di centrosinistra sostenuta, tra le altre liste, dal Partito Democratico e da Italia Viva; il Movimento 5 Stelle, invece, ha candidato Alessandra Richetti. E ancora: Tiziana Cimolino, sostenuta da Sinistra in Comune e della lista dei Verdi; Franco Bandelli come civico; Riccardo Laterza, sostenuto dalla lista civica Adesso Trieste; Aurora Marconi per Trieste Verde; Arlon Stock per la civica Podemo; Ugo Rossi (Movimento 3V); infine, Giorgio Marchesich sostenuto dalla lista della Federazione del Territorio Libero di Trieste.

La Calabria, inoltre, è chiamata a votare il presidente di Regione in anticipo a causa della morte della presidente in carica Jole Santelli, avvenuta il 15 ottobre 2020. Tra i quattro candidati alla carica non figura il governatore facente funzioni Nino Spirlì. Corrono per il posto di governatore: Amalia Bruni per Pd e M5S; Roberto Occhiuto per il centrodestra; Luigi de Magistris, sindaco uscente di Napoli e già sostituto procuratore alla procura di Catanzaro, appoggiato dalle liste: DemA (Democrazia Autonomia), De Magistris Presidente, Uniti con de Magistris, Per la Calabria con de Magistris, Calabria Resistente e Solidale, Un’altra Calabria è possibile; infine, Mario Oliverio, ex presidente della Regione Calabria dal 2014 al 2020 sostenuto dalla lista Oliverio Presidente.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi