Al via il processo all’ex guardiano delle SS

L’uomo di 100 anni dovrà rispondere dell’eccidio di oltre 3.500 persone

Non dirà a nulla il centenario ex guardiano delle SS durante il processo che lo vede accusato di concorso in omicidio per 3.518 morti avvenute nel campo di concentramento nazista di Sachsenhausen tra il gennaio 1942 ed il febbraio 1945.

L’ha reso noto il suo avvocato, Stefan Watercamp, aggiungendo che l’imputato è invece disposto a parlare dei suoi rapporti personali.

Per il processo, apertosi oggi al tribunale di Neuruppin, a Brandeburgo, si sono costituite 15 parti civili da Israele, Francia, Olanda, Polonia e Germania. C’è anche una 16esima dagli Stati Uniti, ma non è ancora stata ammessa. L’atto di accusa è lungo 134 pagine.

Al momento, vista anche l’età dell’imputato, considerato idoneo a essere giudicato ma con udienze di durata non superiore alle due ore e mezza, sono state fissate 22 udienze fino al gennaio 2022.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: AFP

LEGGI ANCHE: Germania, fermata l’ex segretaria nazista

Rispondi