Conte: ‘Natale sobrio’. Tavolo Iss-Salute-Regioni su parametri

‘Niente veglioni e abbracci ma possiamo scambiarci doni’. Il ministro Boccia: ‘E’ già previsto che alcuni territori possano allentare delle misure’. Dipende dunque dai dati del monitoraggio. Oggi si pensa a un piano speciale per i negozi

“A Natale dobbiamo già predisporci a passare le festività in modo più sobrio: veglioni, festeggiamenti, baci e abbracci non è possibile. Al di là delle valutazioni scientifiche occorre buonsenso. Una settimana di socialità scatenata significherebbe pagare a gennaio un innalzamento brusco della curva, in termini di decessi, stress sulle terapie intensive. Non ce lo possiamo permettere. Dobbiamo prepararci a un Natale più sobrio, anche se pensiamo ci si possa scambiare doni e permettere all’economia” di crescere, sottolinea il premier Giuseppe Conte nel suo intervento all’assemblea dell’Anci. E intanto il ministro per gli affari regionali Boccia afferma: “Non escludo che possano esserci altre regioni rosse, sempre sulla base dei dati del monitoraggio”.

Approfondisci: ANSA

Rispondi