Cameriere accusato di molestie a Milano

Una coetanea l’avrebbe ospitato insieme al fidanzato, durante la notte il 25nne si sarebbe infilato nel loro letto. Al primo interrogatorio con il gip non ha risposto

Si trova agli arresti domiciliari lo chef de rang di un noto ristorante milanese accusato da una coetanea di violenza sessuale.

Ad inoltrare la richiesta di custodia è stato il pm Paolo Filippini, titolare dell’indagine, accolta dal gip Teresa De Pascale che ha poi disposto i domiciliari.

Il 25enne è stato arrestato venerdì scorso all’alba: immediatamente ha reso risorse vaghe e confuse ai fatti contestati per poi, ieri pomeriggio, avvalersi della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio con il giudice.

La presunta vittima ha raccontato di aver ospitato il cameriere nell’appartamento che condivide con il fidanzato, dopo una serata trascorsa in discoteca. Il 25enne, forse sotto i fumi dell’alcol, si stava mettendo a dormire per strada quando la giovane l’ha invitato a dormire da loro.

Durante la notte, tuttavia, si sarebbe infilato nel loro letto: lì l’avrebbe molestata. Accortasi di quanto stava accadendo avrebbe urlato, svegliando il compagno che ha preso a pugni il presunto molestatore, fuggito semi vestito in una palazzina vicina. Lì è stato rintracciato la mattina dopo e arrestato.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/EPA/MARTIN DIVISEK

 

Rispondi