Green Pass, verso Ferragosto

Ristoratori tranquilli ma si agitano gli steward. Nel frattempo Speranza annuncia che il 70% della popolazione è stato vaccinato con almeno una dose

Nuove strette sul Green Pass si stagliano all’orizzonte. Dopo le dichiarazioni della ministra dell’Interno Luciana Lamorgese e la circolare del Viminale (leggi qui e qui), si annuncia che in vista del fine settimana di Ferragosto verranno intensificati i controlli nei locali. Questo mentre, dalla Riviera romagnola a Porto Cervo, continuano le chiusure delle discoteche abusive.

Ma le polemiche continuano e se i ristoratori sono stati tranquillizzati dalle ultime disposizioni, questa volta ad essere di malumore sono gli steward che respingono le indicazioni del ministero: «la circolare del Viminale genera errate interpretazioni – dichiara Ferruccio Taroni, presidente dell’Associazione nazionale delegati alla sicurezza, lamentando già carenze di personale per il controllo dei biglietti. – Continueremo a suggerire ai delegati della gestione degli eventi durante i Comitati per l’ordine pubblico di non usare gli steward per il controllo del certificato verde. Noi interverremo solo nei casi in cui sarà necessario esibire il documento di identità». L’alternativa proposta da Taroni per società sportive e gestori di strutture è che si ricorra a personale volontario, come “uomini delle forze dell’ordine in pensione“.

A Torino, inoltre, un sindacato ha proclamato per domani due ore di sciopero come protesta contro l’annuncio dell’azienda, specializzata in componenti elettronici, di consentire l’accesso alla mensa solo ai dipendenti in possesso di Green Pass, come previsto dal decreto.

Nel frattempo alcune buone notizie sul fronte della campagna vaccinale arrivano dal ministro della Salute Roberto Speranza: oggi in Italia superiamo il 70% di persone vaccinabili che hanno avuto almeno la prima dose. È un risultato molto incoraggiante – scrive sul suo profilo Facebook. – Dobbiamo continuare su questa strada perché i vaccini sono lo strumento migliore per aprire una stagione diversa. Grazie a tutta la squadra che lavora ogni giorno a questo obiettivo in ogni angolo del Paese».

La speranza di tutti, a partire dal comparto esecutivo per finire con i cittadini, è che i dati sulle vaccinazioni e le strette sull’uso della certificazione verde valgano, a settembre, la possibilità di evitare nuove chiusure.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi