Viterbo, si suicida dopo aver ucciso la moglie

Lui, un ex allevatore sardo, non avrebbe accettato la separazione dalla moglie. Sotto shock la figlia davanti alla quale si è è sparato

Ha ucciso la moglie con un colpo di fucile prima di togliersi la vita con la stessa arma, davanti alla figlia. É successo ieri sera, intorno alle 20, a Castel Sant’Elia, in provincia di di Viterbo.

Secondo le prime ricostruzioni, l’uomo 65enne non accettava la fine della relazione della moglie, di 57 anni, da cui si stava separando. La figlia, che ha dato l’allarme dopo l’insano gesto, è ricoverata in stato di shock.

Ciriaco Pigliaru si era trasferito dalla Sardegna a Castel Sant’Elia a 6 anni e aveva poi messo su un allevamento di pecore con il padre e il fratello. Nel viterbese aveva conosciuto la moglie, Anna Cupelloni, di Nepi, da cui ha avuto due figlie, oggi di 27 e 31 anni. Quattro anni fa la decisione di vendere l’azienda agricola e di aprire una tabaccheria.

«Un dramma che ci coinvolge – ha commentato Vincenzo Girolami, sindaco di Castel Sant’Elia, – la morte improvvisa dei coniugi, Ciriaco e Anna, qualcosa di tragico per tutta la nostra comunità. Le parole sono strette, soprattutto nei momenti come questi. Esprimiamo il nostro cordoglio alle figlie, Valentina e Valeria, e a tutti gli altri familiari».

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi