Potenza, Dora si è aggrappata al balcone

È l’ipotesi degli inquirenti. Proseguono le indagini a carico del fidanzato

Proseguono le indagini sulla morte di Dora Lagreca, la 30enne morta a Potenza dopo essere caduta dal balcone dell’appartamento del fidanzato (leggi qui).

Gli inquirenti ipotizzano il coinvolgimento del fidanzato, indagato per istigazione al suicidio (ne abbiamo parlato qui).

Secondo una prima ricostruzione, tra i due ci sarebbe stata una lite, come confermato dall’avvocato di Antonio Capasso. Di ritorno da una festa, infatti, la coppia avrebbe iniziato a discutere. Arrivati a casa, intorno alle 2.25 del mattino, Dora avrebbe detto – stando al racconto di lui – di volerla “fare finita“, aprendo la finestra e cadendo del balcone.

L’ipotesi è che Dora si sia aggrappata al parapetto del balcone prima di cadere, forse nell’estremo tentativo di salvarsi. Al momento i Ris stanno esaminando le lamiere del parapetto in cerca di eventuali tracce di Dna.

Rimane un mistero sul perché la ragazza fosse nuda al momento dell’accaduto.

L’autopsia sul cadavere, infine, non ha fornito particolari rilevanti.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi