Roma, Genovese torna libero: investì le due 16enni Gaia e Camilla

La decisione arriva dalla Corte d’appello. Il Tribunale di sorveglianza deciderà sul residuo di pena, tre anni e 7 mesi

Pietro Genovese, condannato in appello per aver investito e ucciso le 16enni Camilla Romagnoli e Gaia Von Freymann, torna libero.

A deciderlo sono i giudici della Corte d’appello di Roma, secondo quanto prevede la legge per le sentenze passate in giudicato.

Genovese, soggetto a obbligo di dimora, dovrà ora attendere la decisione del Tribunale di Sorveglianza sul residuo di pena, circa tre anni e 7 mesi. 

Nella notte del 21 dicembre 2019, le due ragazze vennero travolte dal 20enne alla guida di un suv, mentre attraversavano la strada in corso Francia, all’altezza di Ponte Milvio, a Roma. Il giovane si fermò, attendendo i soccorsi.

Lo scorso 8 luglio Genovese aveva concordato in appello una condanna definitiva a cinque anni e quattro mesi per l’accusa di omicidio stradale plurimo.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA/CLAUDIO PERI

Rispondi