La rivoluzione green del bonus verde

Il rapporto di Coldiretti parla di 300mila nuovi alberi e 8 milioni di metri quadrati di parchi e giardini

Il 21 novembre si celebra la Giornata nazionale degli alberi e la ricorrenza è un’occasione per riflettere sui cambiamenti che investiranno le città italiane. A tal proposito Coldiretti ha diffuso un’analisi contenente le previsioni sugli effetti della proroga del bonus verde.

Con questa misura il Governo mette a disposizione delle agevolazioni fiscali sotto forma di detrazione Irpef del 36% sulle spese per la sistemazione delle aree verdi (Business24 ne parla qui).

Coldiretti stima che nei prossimi tre anni questo provvedimento potrebbe portare all’installazione di oltre 300mila nuovi alberi e alla creazione di 8 milioni di metri quadri di nuovi parchi e giardini. La misura permetterà anche l’arredo urbano di 16mila terrazzi e balconi fioriti.

Il bonus verde agisce in linea con gli obiettivi del Pnrr che, con lo scopo di creare nuove aree verdi, combattere la deforestazione e preservare la biodiversità del territorio, stanzia 330 milioni di euro. L’investimento consentirà di piantare oltre 6,6 milioni di alberi.

Il plauso dell’iniziativa porta con sé anche delle critiche. Coldiretti denuncia infatti che ad oggi un capoluogo di provincia su due non sta rispettando la legge n. 10 del 14 gennaio 2013 che impone ai Comuni oltre i 15mila abitanti di piantare un albero per ogni nuova nascita registrata.

L’impegno congiunto di Coldiretti e Federforeste punta dunque non solo alla tutela e conservazione del patrimonio forestale, ma anche alla promozione del verde urbano per riportare piante e alberi nei centri cittadini con la «riqualificazione urbana di parchi e giardini che migliori la qualità dell’aria e della vita della popolazione dando una spinta all’economia e all’occupazione», spiega il presidente dell’associazione Ettore Prandini.

di: Marianna MANCINI

FOTO: ANSA

Rispondi