Green pass, 778 violazioni

I controlli dei Nas in tutta Italia, contestazioni in bar, ristoranti e palestre

La campagna di controllo dei carabinieri Nas sul corretto utilizzo del Green pass continua in tutta Italia e fino a oggi sono 778 le violazioni contestate.

Sul totale, 428 sanzioni sono andate a datori di lavoro e titolari di attività commerciali e di erogazione come bar, ristoranti, sale scommesse, palestre e centri estetici. Altre 350 sono state invece applicate ai clienti e utenti. Infine, 68 a dipendenti impegnati in attività lavorative sebbene privi del certificato.

In tutto sono state ispezionate oltre 12 mila tra attività ed esercizi.

Nel complesso, 497 sanzioni, ovvero il 64% del totale, sono state rilevate presso strutture di somministrazione di alimenti e bevande; 93 hanno interessato il mancato controllo o possesso del Green pass; 108, pari al 14%, sono state contestate presso sale scommesse, sale gioco e attività ricreative; 91, pari al 12%, presso palestre e piscine; infine 57, il 7%, nell’ambito dei servizi di estetica e centri massaggio.

Il valore complessivo delle sanzioni è di oltre 312 mila euro.

I nas hanno accertato anche ulteriori violazioni: in 430 casi le forze dell’ordine hanno contestato lo scorretto utilizzo di opere di sanificazione, mascherine, le mancate informazioni agli utenti e ai dipendenti sulle norme di comportamento e distanziamento.

Per 25 attività sono scattati i provvedimenti di chiusura temporanea da uno a cinque giorni.

I nas hanno ispezionato anche farmacie e ambulatori: 1.200 strutture nel complesso, e tra questi sono stati sanzionati 42 gestori er aver condotto l’attività diagnostica in difformità alle norme ed ai protocolli d’intesa, con locali non idonei e/o non autorizzati, l’omesso utilizzo di dispositivi di protezione individuale, l’applicazione di prezzi dei test superiori a quelli calmierati, nonché l’omessa alimentazione della banca dati sanitaria usata per la tracciatura dei contagi.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Rispondi