L’Inferno di Kabul

Nuovo attacco all’aeroporto, cinque razzi intercettati dal sistema Usa

Non si placa l’inferno a Kabul. Questa mattina almeno cinque razzi sono stati lanciati verso l’aeroporto internazionale Hamid Karzai, ma i missili sono stati intercettati dal sistema di difesa C-Ram installato dagli Stati Uniti e sono stati deviati.

Diversi testimoni hanno raccontato che i razzi hanno colpito un quartiere vicino all’aeroporto, Salim Karwan. L’Isis ha rivendicato l’attacco, secondo quanto riferito da Reuters sul suo sito web, citando l’agenzia d’informazione Nasher News, legata al gruppo jihadista.

Il presidente degli Usa Joe biden è stato prontamente informato e il suo portavoce ha riconfermato l’ordine presidenziale di proseguire le operazioni di evacuazione: è stato chiesto ai comandanti di raddoppiare gli sforzi per dare la priorità a fare tutto il necessario per proteggere le forze sul territorio.

Intanto, il portavoce dei talebani Zabihullah Mujahid ha dichiarato “illegali” i raid aerei condotti dagli Stati Uniti negli ultimi giorni a Kabul, facendo riferimento in particolare all’attacco di un drone contro un’auto tramite cui sarebbe stata sventata un’imminente minaccia all’aeroporto. «Condanniamo tali attacchi perché è illegale – ha detto il portavoce – se c’era una potenziale minaccia doveva essere segnalata a noi. L’attacco arbitrario ha provocato vittime civili» (leggi qui).

Secondo fonti dell’Associated Press, all’interno dell’auto colpita dal drone ci sarebbero stati effettivamente dei kamikaze e la minaccia sarebbe stata eliminata. Tuttavia, i testimoni locali confermano anche la presenza di vittime civili: il fratello di una di loro ha raccontato a un giornalista locale che nel raid americano sono stati uccisi 9 membri di una famiglia tra cui 6 bambini, due dei quali di soli due anni. L’uomo intervistato ha dichiarato che le vittime sono il fratello Zamaray, 40 anni, insieme a Naseer, 30 anni, Zameer, 20 anni, Faisal, 10 anni, Farzad, 9 anni, Armin quattro anni, Benyamin tre anni, e infine i più piccini Ayat e Sumaya di due anni appena.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Rispondi