Casamonica, sgomberate villette

Andranno ai carabinieri e saranno utilizzate come alloggi di servizio dei militari

È iniziato questa mattina lo sgombero di una serie di terreni e di villette dei Casamonica, confiscate nei mesi scorsi (leggi qui).

Il decreto di confisca riguarda il complesso residenziale in via Caldopiano, a Roma, nella zona di Centroni: l’immobile sarà consegnato all’Arma dei Carabinieri e verrà usato per alloggi di servizio dei militari che prestano servizio nella Capitale.

Il complesso apparteneva a Gelsomina Di Silvio, detta Silvana, ex moglie di Ferruccio Casamonica, e dei suoi tre figli.

Si tratta di tre villette unifamiliari e una villa bifamiliare, tutte collegate tra loro tramite scale e con una piscina: in totale sono tremila metri quadrati.

Sul posto, oltre ai Carabinieri che stanno effettuando lo sgombero, ci sono anche l’Agenzia Nazionale per l’Amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata e l’Agenzia del Demanio.

«Questa operazione testimonia ancora una volta l’importanza della sinergia tra le amministrazioni che è in grado di garantire la conservazione dei beni confiscati e il loro immediato utilizzo, realizzando incisive azioni nelle periferie a tutela della legalità», hanno commentato il direttore dell’Agenzia nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata, Bruno Corda, e il prefetto di Roma Matteo Piantedosi.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Rispondi