Assalto Cgil, cinque fermi

Due ai domiciliari, tre in obbligo di dimora. Agli arresti anche il leader catanese di Forza Nuova

Nuovi arresti questa mattina per l’assalto alla sede della Cgil di Roma dello scorso 9 ottobre, durante una manifestazione No Vax contro il Green Pass (ne abbiamo parlato qui).

Sono state eseguite cinque nuove misure cautelari, nei confronti di altrettante persone che hanno preso parte attiva nelle azioni di devastazione e saccheggio. I reati contestati sono, oltre all’associazione, la devastazione ed il saccheggio, nonché la resistenza con violenza alle forze dell’ordine.

Nello specifico, due persone sono finite agli arresti domiciliari e per altre tre è scattato l’obbligo di dimora. Tra le persone raggiunte da misura anche il leader catanese di Forza Nuova Giuseppe Bonanno Conti, finito agli arresti domiciliari.

Per lo stesso fatto, il prossimo 2 marzo andranno a processo 13 persone: fra di loro i leader storici di Forza Nuova Roberto Fiore e Giuliano Castellino. Le altre persone coinvolte sono Luigi Aronica (ex membro dei Nar), Pamela Testa, Salvatore Lubrano, Francesco Bellavista, Roberto Borra, Luca Castellini, Fabio Corradetti, Lorenzo Franceschi, Massimiliano Petri, Federico Trocino e Massimiliano Ursino. Sono accusati di istigazione per delinquere, devastazione e resistenza a pubblico ufficiale.

di: Micaela FERRARO

FOTO: SHUTTERSTOCK

Rispondi