Trento, minacce a Fugatti. Riunito il Comitato di sicurezza

Il governatore avrebbe ricevuto un proiettile e un messaggio di stampo no Vax. Si indaga sull’accaduto mentre arrivano i messaggi di solidarietà della politica

Il Prefetto di Trento, Gianfranco Bernabei, ha fatto sapere che verrà riunito il Comitato per l’ordine pubblico e la sicurezza per far fronte ai nuovi gesti di minaccia avanzati nei confronti del presidente della provincia, Maurizio Fugatti.

Fugatti, infatti, avrebbe ricevuto una busta contenente un proiettile insieme ad un messaggio di matrice no Vax. La missiva era stata ritrovata ed esaminata dalle forze dell’ordine. «Ciò che è successo sarà esaminato con particolare attenzione. La valutazione che faremo riguarda il grado di potenziale pericolo per il presidente, già sottoposto a scorta per precedenti minacce» – ha dichiarato il prefetto.

Sull’avvenimento il governatore si è detto “sereno e tranquillo“. «Queste cose non ci intimidiscono. Non fanno bene e non piacciono, ma non possono scalfire il lavoro che il sistema provinciale sta facendo in queste settimane per cercare di tenere in piedi tutto quanto – ha detto, aggiungendo: «ringrazio i tanti messaggi di solidarietà anche bipartisan che ho avuto da tutte le forze politiche e dal mondo sindacale. È un esempio di come il sistema trentino sia unito in questo percorso e in queste difficili giornate che stiamo vivendo».

Tra i messaggi di vicinanza, ad esempio, è arrivato quello della presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, che ha sottolineato il ruolo svolto dai governatori “in questi lunghi mesi di gestione dell’emergenza pandemica“. «Stiamo vivendo un particolare e complesso momento di tensione sociale, ma questo non può e non deve sfociare in minacce e gesti intimidatori – ha dichiarato Tesei in una nota. – Le scelte che siamo chiamati a fare non sempre sono semplici, ma hanno come unico obiettivo la tutela della salute dei nostri concittadini e del bene comune. Esprimere il dissenso fa parte della democrazia, ma gli atti intimidatori e di violenza ne sono profondi nemici. Sono certa che il presidente Fugatti, a cui va tutta la mia solidarietà, continuerà nel suo compito con lo stesso equilibrio e dedizione sempre dimostrati».

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi