Poliziotto investe pedone, poi porta a casa il cadavere

La storia grottesca di un agente di Newark

Sembra il set di Pulp Fiction ma, purtroppo, non lo è. Ha dell’incredibile la storia di Louis Santiago, un poliziotto di Newark che ha investito e ucciso un pedone per poi portare a casa il cadavere dalla madre, una 53enne, con cui ha iniziato una discussione per stabilire quale fosse la situazione migliore per uscire dai guai.

È successo la notte del 1 novembre: Santiago, 25 anni, viaggiava su una Honda Accord in compagnia dell’amico Albert Guzman, coetaneo, quando ha travolto e ucciso un infermiere di 29 anni, Damian Dymka.

Dopo l’impatto nessuno ha chiamato i soccorsi per aiutare la vittima, entrambi sono andati via e sono poi tornati dopo qualche minuto per controllare la situazione.

A quel punto hanno deciso di nascondere il corpo, lo hanno caricato in macchina e si sono recati a casa di Santiago.

Il padre di Santiago, un ufficiale del distretto del New Jersey, ha denunciato il figlio. Quando la polizia è arrivata ha trovato il corpo di Dymka sul sedile posteriore dell‘Honda. Sono scattate le manette per Santiago, l’amico e la madre, tutti e tre ora in libertà condizionata in attesa del processo.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA/EPA/JUSTIN LANE

Rispondi