Ritorno sui banchi tra Green Pass e nuove regole

Bianchi: “le classi piene ci devono far sentire un Paese”

Oggi tornano sui banchi di scuola quasi quattro milioni di studenti in 10 Regioni italiane. A quasi due anni dall’inizio della pandemia di Covid-19, saranno molte le novità introdotte nel sistema scolastico per far fronte alla diffusione del virus.

«Siamo tornati ad avere la gioia di avere le classi piene dei nostri ragazzi – Così il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha commentato il rientro ai microfoni di SkyTG24. – Quella di quest’anno è una scuola che deve ripensarsi ed essere più consapevole di se stessa e che deve farci sentire un Paese». In merito alla didattica a distanza ha aggiunto: «la didattica a distanza conto di averla lasciata alle spalle, occorre adesso concentrarsi sull’aumento del digitale in classe. Bisogna imparare a usare questi strumenti con capacità critica».

Su oltre 7 milioni e 400 mila studenti totali, oggi 13 settembre il rientro coinvolge 3.865.365 alunni delle Regioni Abruzzo, Basilicata, Emilia-Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Umbria, Veneto, oltre a quelli della Valle d’Aosta e della Provincia di Trento. Le lezioni, invece, sono già riprese il 6 settembre per gli studenti della Provincia di Bolzano, mentre inizieranno il 14 settembre per 192 mila alunni della Sardegna, il 15 settembre per 1.706.814 bambini e ragazzi delle Regioni Campania, Liguria, Marche, Molise e Toscana, il 16 settembre per 829 mila studenti del Friuli Venezia Giulia e della Sicilia. Gli ultimi a ritornare in classe saranno gli 813 mila alunni delle Regioni Calabria e Puglia, il 20 settembre.

Secondo i dati forniti dal Miur, il totale degli studenti – divisi in 368 mila classi – comprende 846 mila alunni della scuola dell’infanzia statale, 2.313.000 della primaria, 1.584.000 della secondaria di I grado e 2.661.000 della secondaria di II grado. 277mila sono alunni con disabilità. Nello specifico, per quanto riguarda l’istruzione di II grado, il 51% frequenterà un Liceo, il 31,7% un Istituto tecnico e il 17,3% un Istituto professionale. 

In merito al personale scolastico, infine, risultano assunti, con contratto a tempo indeterminato, 59.425 docenti (di cui 12.840 incarichi conferiti in base alle procedure del decreto sostegni bis). Risultano assunti anche 10.729 ATA. Sono poi 87.209 i posti aggiuntivi in deroga già assegnati sul sostegno.

Nella battaglia contro il Covid, e nella speranza di evitare a tutti i costi la Dad, le misure messe in campo contro il contagio sono test salivari, finestre aperte o impianti di aereazione, mascherine, piattaforma per verificare i Green Pass. Solo nelle prime ore di oggi, sono stati verificati oltre 900 mila certificati del personale scolastico. La certificazione verde, inoltre, non verrà richiesta solo agli operatori scolastici ma anche ai genitori degli alunni (ne abbiamo parlato qui).

«Tutte le autorità sanitarie sono comunque attentissime, siamo tutti attentissimi, ma soprattutto siamo attenti agli altri: finalmente la solidarietà torni ad essere il punto fondamentale della nostra sicurezza – ha fatto sapere il titolare del Miur. – Non ho abbandonato l’idea di far togliere le mascherine laddove in classe siano tutti vaccinati: è la nostra direzione di marcia, è una indicazione chiara del decreto del 6 agosto. Stiamo lavorando da aprile ad una scuola nuova, più inclusiva affettuosa e stiamo lavorando anche su questo aspetto mascherine».

Il piano per i test salivari prevede un monitoraggio di almeno 55 mila alunni ogni 15 giorni, 110 mila studenti al mese, che forniranno un campionamento rappresentativo della popolazione scolastica di riferimento. Gli studenti coinvolti su base volontaria faranno parte soprattutto delle classi primarie e secondarie di I grado, ossia elementari e medie.

In merito al ricambio dell’aria, il Comitato tecnico scientifico ha stabilito che dovrà essere assicurato aprendo le finestre ma sono stati stanziati fondi con i quali le scuole possono autonomamente decidere di installare impianti di filtraggio e pulizia dell’aria.

E ancora, una delle misure su cui si è lavorato di più recentemente è quello dei trasporti locali che, come ha assicurato il ministro Giovannini, vedranno triplicati i propri finanziamenti. Nelle grandi città sono state intensificate le corse bus: a Roma ad esempio sono 3500 in più.

Il personale scolastico vaccinato, come ricordato dal ministro Bianchi, supera ad oggi il 93%. In cinque Regioni raggiunge il 100%: Abruzzo, Campania, Friuli Venezia Giulia, Lazio e Toscana. Le mascherine, almeno per ora, andranno indossate e si potranno togliere solo alla mensa e in palestra; saranno fornite dalle scuole come lo scorso anno.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: ANSA

Rispondi