Scagionato dopo 43 anni

Tra i casi più eclatanti di condanna sbagliata: la storia dell’afroamericano Kevin Strickland

È stato scagionato dopo 43 anni di carcere l’afroamericano 62enne Kevin Strickland.

Si tratta di uno dei casi di errata condanna più clamorosi della storia statunitense: Strickland era stato condannato all’ergastolo nel 1978 per l’omicidio di tre uomini bianchi, Sherrie Black, 22 anni, Larry Ingram, 21 anni e John Walker, ventenne.

Il 25 aprile di quell’anno quattro uomini, tra cui un vicino di casa di Strickland, si fermarono a chiacchierare fuori dall’abitazione di Kevin. Dopo una breve chiacchierata si allontanarono, ma Strickland preferì rimanere a casa con la figlia, nata da poco. I quattro ragazzi, Vincent Bell, Terry Abbott, entrambi 21enni, Kim Adkins, 19enne, e un sedicenne, organizzarono una spedizione punitiva in un bungalow per vendicare una perdita al gioco con dadi truccati. Furono loro a legare e uccidere le tre vittime.

L’unica sopravvissuta e testimone dell’evento fu la fidanzata di uno di loro, Cynthia Douglas, che restò ferita e finse di essere morta, dopodichè riuscì a liberarsi e cercare aiuto.

La polizia fece irruzione in casa di Strickland e lo portò in caserma per un riconoscimento insieme ad altri afroamericani. Douglas, secondo quanto emerso in seguito, subì le pressioni degli investigatori e accusò Strickland. In un secondo momento provò a ritrattare, ma non le fu permesso: anzi, venne allontanata e minacciata di venir incriminata di spergiuro.

Tutto il caso venne costruito su questo. Mancavano le prove che legassero Strickland alla scena del crimine e la famiglia gli offrì un alibi; non solo: Bell e Abbott confessarono gli omicidi e testimoniarono che il loro amico non era presente sul luogo del massacro.

Eppure Strickland venne condannato, per un caso di malagiustizia venato forse da pregiudizi razzisti. È l’esempio più lungo di errata condanna del Missouri.

Oggi il desiderio dell’uomo è di andare sulla tomba della madre e di vedere l’Oceano.

di: Micaela FERRARO

FOTO: ANSA

Rispondi