Clan Spada, Cassazione: “è mafia”

Disposto nuovo processo d’appello per Roberto e Carmine Spada per duplice omicidio

La Cassazione ha confermato l’accusa per il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso nell’ambito del maxi processo al clan Spada (leggi qui).

Accogliendo le richieste del pg, i giudici hanno inoltre disposto un nuovo processo d’appello nei confronti di Roberto e Carmine Spada, per il duplice omicidio di Giovanni Galleoni detto “Baficchio” e Francesco Antonini detto “Sorcanera”. La morte dei due esponenti di un clan rivale è avvenuta il 22 novembre del 2011 nel centro di Ostia.

Roberto Spada ha già ricevuto una condanna definita per aver inferto una testata a un giornalista della Rai.

La Corte ha, infine, giudicato inammissibili i ricordi degli altri imputati, rigettandoli.

di: Alessia MALCAUS

FOTO: SHUTTERSTOCK

Rispondi